Premio Nori De’ Nobili: dalla scultura alla webcam

La Giornata del Contemporaneoorganizzata ogni anno da Amaci (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani), si tinge di rosa nella Marche con l’inaugurazione sabato 10 ottobre 2015 alle ore 18:30 della mostra collettiva del Premio Internazionale di Arti Visive Nori De’ Nobili. La mostra, che si avvale della mia curatela e di quella di  Annalisa Filonzi, è allestita presso il Museo Nori De’ Nobili di Trecastelli (AN) e ospiterà le opere delle otto giovani finaliste del premio che prende il nome dal museo.

premio-nori-de-nobili

 

Maria Vittoria Castaldello, Lisa Gelli, Serena Lavorante, Elena Leone, Giorgia Razzetta, Bianca Senigalliesi, Maria Steinmetz e Claudia Zagana, sono i nomi delle vincitrici di questo premio che è alla sua prima edizione e dedicato alla pittrice Nori De’ Nobili, rivolto a giovani artiste donne di ogni nazionalità e di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il premio, ideato con lo scopo di valorizzare e promuovere la figura della donna nelle arti, ha avuto un’ottima risposta. Oltre sessanta le candidature pervenute da diverse regioni d’Italia, senza contare quelle inviate da artiste italiane residenti all’estero e da artiste straniere, provenienti da diverse parti d’Europa e non solo. Il premio è nato con l’intento di ricercare e valorizzare le giovani generazioni di artiste, le loro sperimentazioni, le loro modalità produttive, la loro capacità di interagire con i luoghi e le persone, senza confini di nazionalità o di possibilità creative. Il tema del Premio ha preso spunto da un frammento del pensiero di Nori De’ Nobili, la quale si definisce: “tragica donna che non fu mai doma”.

Leggi il comunicato stampa e i testi critici in pdf

Allegati