Sponge ArteContemporanea a Set Up Art Fair Bologna

Inizia la settimana calda dell’arte contemporanea a Bologna. Oltre alla 40esima edizione di ArteFiera, si scaldano i motori per SetUp Art Fair, presso l’autostazione di Bologna. 

rassegna in corpo

Noi di Sponge ArteContemporanea siamo presenti, come sempre, a SetUp Contemporary Art Fair, una fiera d’arte contemporanea che rivolge l’attenzione agli artisti emergenti. Per l’edizione 2016 partecipiamo su più fronti, con lo stand espositivo, la rassegna performativa In Corpo VI e il Premio Residenza.
Nello stand 39 verrà presentato il progetto Models of Guidance con gli artisti Leonardo Aquilino e Sacha Turchi, a cura di Giovanna Giannini Guazzugli.

Info qui

sponge artecontemporanea- artefiera

Pier Paolo Pasolini e il progetto IoSo di Gaggia e Dubbini

 

Io So.Ma non ho le prove

Oggi è il 2 novembre 2015 e ricorre il quarantesimo anniversario della scomparsa di Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi intellettuali italiani del Novecento. Da questa figura chiave della storia del pensiero contemporaneo, parte il progetto IoSo, ideato da Giovanni Gaggia e Rocco Dubbini che coinvolgerà da oggi per tutto il 2016 artisti, curatori, collezionisti, galleristi ed intellettuali che parteciperanno ad una serie di iniziative tra la fine del 2015 e l’intero 2016 per dar vita ad un percorso della memoria tra Matelica, paese marchigiano da cui partì l’avventura imprenditoriale del fondatore dell’ENI, Enrico Mattei, e Casarsa dove Pasolini visse gli anni della gioventù. IoSo è un progetto in movimento, in viaggio,  può essere adottato, condiviso ed ospitato. Segui il progetto sul web con l’hashtag #IoSo

Leggi il comunicato stampa IoSo  

Perfect Number VI a Sponge ArteContemporanea

Sponge Living Space è lo spazio espositivo dell’associazione culturale Sponge ArteContemporanea: un casolare di campagna immerso nelle colline marchigiane a Pergola, in provincia di Pesaro e Urbino. Come ogni anno a luglio arriva il momento per la mostra conclusiva che racchiude l’essenza di tutta la stagione espositiva di questo spazio indipendente, il ciclo di esposizioni intitolato “Inneres augue/ Visione Contemporanea” si chiude con PERFECT NUMBER, edizione VI: 9 artisti, 9 stanze, 9 poesie,  9 project rooms a cura di Francesco Paolo del Re.

La sfida è coniugare due linguaggi contigui ma spesso apparentemente distanti: l’arte contemporanea e la poesia. Ispirandosi alle suggestioni poetiche dello stesso Del Re, carpite dalla sua prima raccolta di liriche “Il Tempo del Raccolto” (SECOP Edizioni), gli artisti proporranno liberamente la loro filosofia costruendo una project room del tutto indipendente l’una dall’altra, ispirandosi ciascuno a una delle poesie del libro.

Vi aspetto all’inagurazione sabato 18 luglio alle ore 18:30 presso Sponge Living Space, via Mezzanotte 84, Pergola (PU). Info qui: Sponge ArteContemporanea

Intexěre tempus: Giovanni Gaggia e Regina José Galindo

Vi trovate a Roma? Farete un viaggio a breve in questa città eterna? Vi consiglio di visitare “Intexěre tempus” mostra personale di Giovanni Gaggia.

Ecco qui il comunicato stampa 🙂

Rossmut, una delle galleria romane di ricerca, apre la nuova sede della galleria nel quartiere di San Lorenzo a Roma e lo fa con un progetto a sostegno di Amnesty International, intexěre tempus personale di Giovanni Gaggia a cura di Diego Sileo. L’inaugurazione è prevista per lunedì 27 aprile, con la presenza di Regina José Galindo.

Attraverso la sua arte Giovanni Gaggia ha scelto di comunicare sensazioni, stati d’animo, tensioni che nascono direttamente da esperienze umane. La necessità di narrare storie e l’esigenza di porre l’attenzione su certe tematiche, che toccano da vicino alcune delle realtà più complesse della nostra contemporaneità, prendono forma e sostanza nelle sue performance. Opere che isolano gli istanti di un percorso introspettivo che da sempre caratterizza la ricerca dell’artista. Istanti narrati ed esibiti che suggeriscono il bisogno di fermarsi, aspettare e riflettere.

La mostra alla Galleria Rossmut ricostruisce – con video, fotografie e installazioni – la performanceintexěre tempus, realizzata il 18 marzo 2015 nei suggestivi spazi dell’antico lavatoio di Palazzo Lamperini (1888), nel quartiere San Lorenzo a Roma. La violenta congiunzione del corpo dell’artista con quelli violati e martoriati dei protagonisti raccontati in intexěre tempus ha innescato forti cortocircuiti visivi ed emotivi con il preciso intento del non voler dimenticare. I partecipanti hanno interagito direttamente con l’artista e condiviso attivamente con lui – attraverso un originale percorso di introspezione e di riflessione – storie vere di uomini e donne vittime di violenza, convertendosi così in testimoni della memoria. Il carattere intrinsecamente politico dell’opera diviene il segno poetico di quelle azioni atte a sottolineare la fragilità, la sofferenza e la forte carica emotiva del genere umano.

Il video della performance, che sarà presentato in anteprima assoluta la sera dell’inaugurazione della mostra, è diretto da Alessandro D’Alatri, uno dei più autorevoli registi del cinema italiano, autore di grande sensibilità, capace di raccontare l’arte, quella vera, quella che assorbe gli umori e le verità delle realtà che ci circondano.

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Maretti Editore e sarà visitabile fino al 27 luglio da martedì a sabato 16 – 20, mattina su appuntamento. Info mostra qui

Giovanni gaggia- Regiona-Galindo-Roma

 

Privata: la mostra sul femminicidio arriva in Calabria

Sta arrivando Privata #4, il quarto appuntamento con la mostra sul femminicidio e la violenza di genere. Questo progetto ideato da Federica Amichetti e curato da me per la parte artistica, sta girando l’Italia dall’8 marzo 2014 e coinvolge sette artisti: Federica Amichetti, Alessandra Baldoni, Mirko Canesi, Mandra Cerrone, Giovanni Gaggia, Francesca Romana Pinzari, Rita Soccio, con la partecipazione straordinaria delle giornaliste Nikla Cingolani e Tamara Ferrari. Per Novembre,  il mese della lotta contro la violenza sulle donne abbiamo deciso di fare tappa in Calabria e precisamente a Cosenza, una terra tristemente al centro delle cronache per i tanti casi di atroce femminicidio che hanno avuto una risonanza mediatica nazionale. L’appuntamento è per sabato 15 novembre  alle ore 16:30 presso l’Archivio di Stato di Cosenza con l’inaugurazione della mostra e il convegno  «Stop al Femminicidio: d’arte e d’amore mai più Privata!» e una mostra parallela «Storie di donne e di violenza nei secoli passati» a cura dell’Archivio di Stato con documenti sul femminicidio in CalabriaMa la tappa calabrese di PRIVATA presenterà anche un’altra novità: oltre alle opere esposte nelle varie tappe italiane (alcune delle quali hanno anche ottenuto riconoscimenti internazionali) sarà presentata per la prima volta al pubblico l’opera “stigmata” di Attinia, artista che lavora con diversi mezzi espressivi e che per questa occasione presenta un video provocatorio e tagliente che non lascerà indifferenti.  Info e programma sul blog di Privata 

Francesca Romana Pinzari - hair pray
Francesca Romana Pinzari – hair pray

 

 

 

 

Perfect Number, quinta edizione

 

Come ogni anno concludiamo la stagione espositiva di Sponge ArteContemporanea con il nostro “perfect number”, giunto ormai alla quinta edizione.  PERFECT NUMBER, progetto che nelle prime tre edizioni ha coinvolto 9 artisti e 9 curatori in 9 stanze mentre nell’ultima 9 strutture indipendenti, è un evento coniugato al plurale in cui l’ambiente domestico, mutevole e versatile, si apre al confronto di linguaggi, al dialogo intersoggettivo e ad una piena libertà progettuale. Nell’edizione 2014, gli spazi di Sponge Living Space sono invasi, sovvertiti e ripensati criticamente da 9 artiste guidate,  per la prima volta,  da un unico ed “anomalo” curatore :  Alessandra Baldoni. Ispirandosi a suggestioni letterarie, le artiste proporranno liberamente la loro filosofia costruendo una project room del tutto indipendente l’una dall’altra.

Clicca qui per il sito di Sponge

Effetto farfalla a Pergola (PU)

sponge

Palazzo Giannini di Pergola riapre le sue porte al pubblico per il secondo appuntamento con Effetto Farfalla, sabato 14 giugno alle 17:30.  Il tema è focalizzato su Pergola, per dare concretamente avvio all’azione di promozione della cultura della bellezza e cura del territorio. Per questo motivo protagonista dell’incontro sarà Giovanni Gaggia, artista e direttore dell’associazione Sponge ArteContemporanea, che per la prima volta offrirà il racconto della sua esperienza al pubblico di Pergola, sua città natale. A colloquio con lui Loretta Di Tuccio, curatrice e direttrice, con Gilda Lavia, dello spazio espositivo romano Rossmut, che di recente lo ha ospitato con la mostra Et Curis, e Giovanna Giannini Guazzugli, storica dell’arte e curatrice. Il colloquio si svolgerà in concomitanza all’inaugurazione della terza tappa di Privata, la mostra itinerante sul femminicidio e la violenza di genere curata da Federica Mariani, che vede lo stesso Gaggia protagonista con altri sei artisti. Per questa terza tappa, allestita nella Chiesa di San Giovanni Evangelista a Penne, in Abruzzo. Giovanni Gaggia ha scelto di non presenziare all’inaugurazione e di ritirare la sua opera Miratus sum, non ritenendola più adatta a rappresentare la drammaticità del contenuto della mostra. Nel corso del talk a Palazzo Giannini, Gaggia spiegherà le motivazioni di questo ripensamento seguìto al suo incontro con Regina Josè Galindo durante la residenza della perfomer guatemalteca presso RAVE East Village Artist Residency di Trivignano Udinese, diretta da Isabella e Tiziana Pers. Nel frattempo e contemporaneamente, a Penne sarà visibile il diario che Gaggia ha redatto in quei giorni, creando così un flusso tra i due eventi, tra le Marche e l’Abruzzo. leggi tutto sul sito di Sponge ArteContemporanea

Continua “PRIVATA”, terza tappa a Penne (PE)

 

Sabato 14 giugno alle ore 18, l’Abruzzo e le Marche connesse da pensieri e parole sull’arte contemporanea. Volete scoprire il perché? Presso la Chiesa di San Giovanni Evangelista di Penne (PE) inaugura la terza tappa di PRIVATA, il progetto nazionale curato da me che sta girando l’Italia, una collettiva sul tema del femminicidio e della violenza di genere. Sempre alla stessa ora, alle 18 a Palazzo Giannini di Pergola (PU) inizia un talk con Giovanni Gaggia collegato a questa mostra e intitolato “Effetto Farfalla”. Vi chiederete il perché abbiamo pensato di fare due eventi correlati e interconnessi. C’è una ragione collegata all’artista e alla mostra. Pensieri e parole fluiranno interconnessi tra l’Abruzzo e le Marche, se da una parte si parlerà del fenomeno del femminicidio con video, installazioni e fotografie in mostra, dall’altra Giovanni Gaggia parlerà della sua vita e della sua recente esperienza con l’artista internazionale Regina José Galindo, che è stata di recente ospitata presso RAVE Residency East Village, uno spazio per residenze artistiche nella campagna udinese diretto da Isabella e Tiziana Pers. Un evento parallelo per testimoniare da una parte l’assenza dell’opera Miratus Sum di Giovanni Gaggia all’interno della mostra “PRIVATA” e allo stesso tempo l’esposizione  delle pagine di diario mentre viveva quest’esperienza.

 

inaugurazione terza tappa di "Privata" ed evento parallelo "Effetto farfalla"
inaugurazione terza tappa di “Privata” ed evento parallelo “Effetto farfalla”

 

PRIVATA: un giro d’Italia contro il femminicidio

 

Federica Amichetti, Alessandra Baldoni, Mirko Canesi, Mandra Cerrone, Giovanni Gaggia, Francesca Romana Pinzari, Rita Soccio: sette artisti orchestrati da me, hanno affrontano a viso aperto il tema della violenza sulle donne e del femminicidio.  Da questo confronto è  nata PRIVATA, una mostra itinerante con l’obiettivo di risvegliare le coscienze attraverso l’arte contemporanea. La prima tappa di questo viaggio in tutta l’Italia, è prevista  sabato 8 marzo ore 18:00 presso la Mole Vanvitelliana di Ancona, con il patrocinio del Comune di Ancona in collaborazione con Donne e Giustizia ONLUS, CNA Impresa Donna di Ancona ed ExpoMarche. L’inaugurazione della mostra è anticipata dalla performance di Mirko Canesi “Fall and Rising, Fall and Rising, Fall and Rising…” / Clash #1 prevista alle ore  16 nella zona antistante alla Mole.

 

invito

PRIVATA: un giro d’Italia contro il femminicidio e la violenza sulle donne

immagine_1

 

Federica Amichetti, Alessandra Baldoni, Mirko Canesi, Mandra Cerrone, Giovanni Gaggia, Francesca Romana Pinzari, Rita Soccio con la partecipazione speciale delle giornaliste NIkla Cingolani e Tamara Ferrari, hanno affrontano a viso aperto il tema della violenza sulle donne e del femminicidio.  Da questo confronto è  nata PRIVATA, una mostra itinerante con l’obiettivo di risvegliare le coscienze attraverso l’arte contemporanea.  PRIVATA è il nucleo centrale di un progetto senza scopo di lucro, dinamico e flessibile che prevede eventi collaterali, workshop con gli artisti e attività didattiche nelle scuole medie superiori. Nel corso dei mesi al progetto si sono affiancati il critico d’arte Antonio Zimarino, il curatore indipendente Francesco Paolo Del Re, la curatrice Milena Becci cha ha collaborato all’allestimento della mostra e all’editing del libro-catalogo, la giornalista italo-siriana Asmae Dachan, la criminologa Margherita Carlini, la sociologa Anna Maria Di Miscio, il regista Marco Simon Puccioni, la Consigliera di Parità Pina Ferraro, Santa Lebboroni direttrice della casa circondariale di Monteacuto, la giornalista Tamara Ferrari di Vanity Fair. Tutti hanno contribuito con un intervento nel libro-catalogo della mostra pubblicato dalla casa editrice Communication Project di Recanati. PRIVATA nasce dall’esigenza di affrontare questa problematica sociale da una prospettiva diversa: l’arte contemporanea può fornire le chiavi d’accesso ad una sensibilità percettiva altra, che va al di là del semplice sdegno per i fatti di cronaca, delle leggi e delle pene, dell’impatto mediatico delle campagne pubblicitarie. I video, le fotografie, le installazioni e le performance selezionate per la mostra, scavano nella sfera emozionale ed esperienziale di ogni individuo, sfruttando la forza comunicativa dell’arte per sensibilizzare la società civile: un passo indispensabile per modificare un comportamento relazionale malato e obsoleto, purtroppo tristemente radicato nella quotidianità.

Per sostenere il progetto su Eppela piattaforma italiana di crowdfunding clicca qui 

Seguiteci su Facebook, Twitter e il nostro Blog