Arriva “a,m,o- Arte, Marche,oltre” a Pergola, Cagli, Fano e Senigallia

Sponge ArteContemporanea presenta dal 14 al 22 luglio l’edizione 0 di “a,m,o”: mostre, presentazioni di libri, conferenze e performance tra Pergola, Cagli, Fano e Senigallia per un campeggio itinerante.

Ma che cos’è a,m,o? a,m,o è l’evoluzione di Perfect Number, il progetto che chiude da sempre la stagione espositiva di Sponge ArteConteporanea (Casa Sponge) declinandosi ogni anno in forme diverse avendo come filo conduttore il numero 9, corrispondente alle stanze del casolare. Quest’anno l’evento conclusivo non sarà una mostra, bensì un campeggio itinerante che si prefigge la formazione di 9 giovani curatori under 35. Dalla rapida ed entusiasta adesione delle istituzioni e degli operatori del settore, l’idea originaria di un workshop settimanale è divenuta altro, un’iniziativa ben più articolata che aspira a divenire un importante appuntamento biennale.

immagine profilo fb

L’edizione 0  di  a,m,o – acronimo di arte, Marche, oltre – dal 14 al 22 luglio 2016 sarà una kermesse viaggiante che prevede quattro mostre, tredici conferenze, sei presentazioni di libri, due performance. L’iniziativa si avvale della collaborazione del Comune di Pergola, del Bastione Sangallo, di Demanio Marittimo. Km-278 e avrà il patrocinio dell’Assemblea Legislativa della Regione Marche, della Commissione Pari Opportunità e dei Comuni di Fano, Senigallia e Istituzione Teatro Comunale di Cagli. Anche le partnership sono numerose e prestigiose: Accademia di Belle Arti di Urbino, Fano Jazz Network, Arthub Asia di Shanghai / Hong Kong, le  associazioni Castrum Montis Roli 1349,  Rembò e Pergola Nostra.

Io sarò presente come curatrice di due installazioni ed azioni di Rocco Dubbini e Pamela Breda al Bastione Sangallo di Fano.

Vuoi scoprire il programma? Scarica qui il  a,m,o Programma Completo

Leggi il comunicato stampa a,m,o COMUNICATO STAMPA

Pier Paolo Pasolini e il progetto IoSo di Gaggia e Dubbini

 

Io So.Ma non ho le prove

Oggi è il 2 novembre 2015 e ricorre il quarantesimo anniversario della scomparsa di Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi intellettuali italiani del Novecento. Da questa figura chiave della storia del pensiero contemporaneo, parte il progetto IoSo, ideato da Giovanni Gaggia e Rocco Dubbini che coinvolgerà da oggi per tutto il 2016 artisti, curatori, collezionisti, galleristi ed intellettuali che parteciperanno ad una serie di iniziative tra la fine del 2015 e l’intero 2016 per dar vita ad un percorso della memoria tra Matelica, paese marchigiano da cui partì l’avventura imprenditoriale del fondatore dell’ENI, Enrico Mattei, e Casarsa dove Pasolini visse gli anni della gioventù. IoSo è un progetto in movimento, in viaggio,  può essere adottato, condiviso ed ospitato. Segui il progetto sul web con l’hashtag #IoSo

Leggi il comunicato stampa IoSo