Pier Paolo Pasolini e il progetto IoSo di Gaggia e Dubbini

 

Io So.Ma non ho le prove

Oggi è il 2 novembre 2015 e ricorre il quarantesimo anniversario della scomparsa di Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi intellettuali italiani del Novecento. Da questa figura chiave della storia del pensiero contemporaneo, parte il progetto IoSo, ideato da Giovanni Gaggia e Rocco Dubbini che coinvolgerà da oggi per tutto il 2016 artisti, curatori, collezionisti, galleristi ed intellettuali che parteciperanno ad una serie di iniziative tra la fine del 2015 e l’intero 2016 per dar vita ad un percorso della memoria tra Matelica, paese marchigiano da cui partì l’avventura imprenditoriale del fondatore dell’ENI, Enrico Mattei, e Casarsa dove Pasolini visse gli anni della gioventù. IoSo è un progetto in movimento, in viaggio,  può essere adottato, condiviso ed ospitato. Segui il progetto sul web con l’hashtag #IoSo

Leggi il comunicato stampa IoSo  

Premio Nori De’ Nobili: dalla scultura alla webcam

La Giornata del Contemporaneoorganizzata ogni anno da Amaci (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani), si tinge di rosa nella Marche con l’inaugurazione sabato 10 ottobre 2015 alle ore 18:30 della mostra collettiva del Premio Internazionale di Arti Visive Nori De’ Nobili. La mostra, che si avvale della mia curatela e di quella di  Annalisa Filonzi, è allestita presso il Museo Nori De’ Nobili di Trecastelli (AN) e ospiterà le opere delle otto giovani finaliste del premio che prende il nome dal museo.

premio-nori-de-nobili

 

Maria Vittoria Castaldello, Lisa Gelli, Serena Lavorante, Elena Leone, Giorgia Razzetta, Bianca Senigalliesi, Maria Steinmetz e Claudia Zagana, sono i nomi delle vincitrici di questo premio che è alla sua prima edizione e dedicato alla pittrice Nori De’ Nobili, rivolto a giovani artiste donne di ogni nazionalità e di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Il premio, ideato con lo scopo di valorizzare e promuovere la figura della donna nelle arti, ha avuto un’ottima risposta. Oltre sessanta le candidature pervenute da diverse regioni d’Italia, senza contare quelle inviate da artiste italiane residenti all’estero e da artiste straniere, provenienti da diverse parti d’Europa e non solo. Il premio è nato con l’intento di ricercare e valorizzare le giovani generazioni di artiste, le loro sperimentazioni, le loro modalità produttive, la loro capacità di interagire con i luoghi e le persone, senza confini di nazionalità o di possibilità creative. Il tema del Premio ha preso spunto da un frammento del pensiero di Nori De’ Nobili, la quale si definisce: “tragica donna che non fu mai doma”.

Leggi il comunicato stampa e i testi critici in pdf

Prorogata la mostra “Cantiere a colori”

Sono felice di annunciarvi che “Cantiere a colori”, la mostra allestita e curata da me in un cantiere navale di Civitanova Marche, raddoppia dopo il grande successo di pubblico. La mostra è prorogata da giovedì 25 giugno a domenica 28 giugno con i seguenti orari giovedì e venerdì dalle 18:30 alle 21, sabato e domenica dalle 18 alle 21.

In soli tre giorni oltre duecento persone hanno visitato la mostra fotografica curata da me che ripercorre l’edizione 2014 del progetto di street art “Vedo a colori” ideato da Giulio Vesprini con l’obiettivo di riqualificare il molo di Civitanova Marche.

La mostra Cantiere a colori
La mostra Cantiere a colori

Lo scorso weekend, la mostra “Cantiere a colori” è diventata un vero e proprio contenitore di esperienze artistiche di tutte le Marche che hanno avuto modo di promuovere i loro progetti e la loro realtà: dalla Fototeca Comunale di Civitanova Marche agli studenti della Facoltà di Architettura dell’Università di Camerino, fino al progetto JES! che è un incubatore di creatività e innovazioni sul territorio per terminare con la rivista Mappe e Demanio Marittimo km278, collegati ad una comunicazione e promozione dell’architettura sul territorio. Tuti gli eventi sono stati raccontati tramite i social network, grazie anche alla sfida fotografica proposta dalla digital PR Valentina Castelli che ha invitato gli utenti a fotografare le opere di street art al porto e condividerle sui canali social.

La mostra nei prossimi giorni continuerà ad essere un contenitore di energie creative: designer, artisti, architetti e associazioni culturali potranno utilizzare lo spazio della mostra per incontrarsi e parlare dei loro progetti: le porte del cantiere sono aperte a tutti, il molo diventa il fulcro della vita creativa di Civitanova Marche.

Comunicato stampa scaricabile qui sotto.

Inaugura “Cantiere a colori”: street art a Civitanova Marche

“Cantiere a colori” è il titolo della mostra fotografica che prenderà forma negli spazi del Cantiere Navale – Scalalaggio Anconetani (area portuale) dal 19 Giugno alle ore 18:30 a Civitanova Marche. La mostra è curata da me ed è allestita in un luogo insolito e fa parte del più ampio progetto “Vedo a colori”   ideato e diretto da Giulio Vesprini che dal 2009, tramite il linguaggio della street art, ha l’obiettivo di recuperare siti portuali della città di Civitanova Marche.  Il progetto, in continua crescita, quest’anno ha dato vita ad eventi connessi come la mostra “Cantiere a Colori”, esposizione fotografica di oltre 60 scatti realizzati da Massimo Perugini con una macchina analogica, una Pentax MX del 1971, che ha documentato la realizzazione delle opere degli oltre 30 artisti che hanno partecipato all’edizione 2014 di Vedo a Colori, dipingendo il molo est del porto di Civitanova Marche. L’obiettivo principale della mostra è quello di collegare la realizzazione artistica alla storia e alla cultura della città, riflettendo sull’eredità lasciata dagli artisti: una nuova visione del porto “a colori” che diventa luogo dove ritrovarsi e passeggiare, assumendo un ruolo nuovamente centrale, come cuore pulsante della città.

Tanti sono gli eventi che caratterizzano questi 3 giorni di mostra, dopo l’inaugurazione ufficiale di Venerdì 19 Giugno alle ore 18:30, Sabato 20 Giugno è ricco di eventi: dalle 10 alle 13 la mostra sarà aperta per una visita guidata, alle ore 17:30 si inizia con la conferenza “Il porto, il cibo e l’arte” con Primo Recchioni, presidente della Fototeca Comunale di Civitanova Marche ed imprenditore nel settore del commercio del pesce che collegherà arte, cibo e storia della città strizzando l’occhio a Expo 2015 in corso a Milano. Si prosegue alle ore 18 con Federico Bomba, direzione strategica di Sineglossa Creative Ground, “Coinvolgere gli artisti per valorizzare i territori” sarà il tema del suo intervento, con la proiezione del video di JES! Cerco lavoro. Lo immagino. Lo trovo e racconto dell’ app Bioculture. Si chiude la giornata del Sabato con la proiezione alle ore 18:30 del video inedito di “Vedo a Colori” firmato da Alessandro Moglie (video maker professionista) con le riprese tramite droni di Biagio Staro (Sb Drone-Fly) che raccontano con immagini fantastiche, tutto il lavoro fatto nell’estate del 2014, attraverso riprese da terra, dal mare ed dal cielo.

Domenica 21 Giugno si inizia con uno smartphone in mano alle ore 17:00, Valentina Castelli (digital PR), condurrà i visitatori in un tour a piedi tra i cantieri navali per concludere #trovaicolori, una sfida fotografica colorata, lanciata sui social network il 1° Giugno scorso e che propone al pubblico di “cominciare a vedere realmente a colori il nuovo look del porto”: scattando una o più fotografie dell’area portuale di Civitanova Marche, densa di colori grazie ai murales si potrà partecipare al concorso utilizzando su Facebook, Twitter e Instagram, l’hashtag #trovaicolori, i premi sono messi in palio da Ara – Associazione Culturale, il Casolare che Crea e l’ Enoteca-Osteria Ars Vivendi di Civitanova Marche, realtà che hanno ampiamente sposato il progetto mettendo a disposizione tutte le loro qualità. Alle ore 18 appuntamento con “I n t e r f e r e n z a”, incontro con il Prof. Luigi Coccia della Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno con la presentazione dei lavori inediti del workshop per il porto di Civitanova Marche. Un’occasione per riflettere su nuove potenziali idee di sviluppo del porto grazie alla proiezione degli elaborati degli studenti per le tesi triennali. Alle ore 19 incontro con Cristiana Colli, direttore responsabile di Mappe e curatrice di Demanio Marittimo km278 e con Cristiano Toraldo di Francia architetto e direttore editoriale di Mappe. I tre giorni di mostra sono ricchi di eventi e conferenze, collegati al tema della riqualificazione urbana, della storia del territorio e del futuro che verrà con Expo 2015.

CALENDARIO DEGLI EVENTI

Venerdì 19 Giugno 2015

Ore 18:30

inaugurazione ufficiale della mostra e presentazione alla stampa del programma “Vedo a Colori”

Intervengono:

Giulio Vesprini, grafico, artista indipendente e curatore del progetto dal 2009; Federica Mariani, curatrice indipendente e curatrice della mostra fotografica al cantiere navale; Massimo Perugini, fotografo del progetto nell’ estate del 2014; Diversi artisti, i principali protagonisti del lavoro al porto.

Vedo a colori
Vedo a colori

Sabato 20 Giugno 2015  

Ore 10 – 13 Apertura mostra, con visita guidata.

Ore 17:30 “Il porto, il cibo e l’arte” incontro con Primo Recchioni, presidente della Fototeca Comunale di Civitanova Marche ed imprenditore nel settore del commercio del pesce e con Francesca Iacopini, direttore della Fototeca Comunale centro comunicazioni visive.

Ore 18 Energie del territorio (part.1) “Coinvolgere gli artisti per valorizzare i territori” incontro con Federico Bomba, Direzione strategica di Sineglossa Creative Ground, proiezione del video di Jes! Cerco lavoro. Lo immagino. Lo trovo e racconto dell’app. Bioculture.

Ore 18:30 “Vedo a Colori” proiezione del video inedito di “Vedo a Colori” firmato da Alessandro Moglie (video maker professionista) con le riprese tramite droni di Biagio Staro (Sb Drone-Fly). Immagini fantastiche di tutto il lavoro fatto nell’estate 2014.

Ore 19 #trovaicolori h 19:30 presentazione del tour guidato della domenica collegato al contest fotografico #trovaicolori curato da Valentina Castelli, fashion blogger e digital PR freelance.

#trovaicolori
Sfida fotografica #trovaicolori ideata da Valentina Castelli @TinaTelli

Domenica 21 Giugno 2015

Ore 17 #trovaicolori  tour guidato a piedi tra i cantieri navali ed il molo est con
Valentina Castelli. Contest fotografico #trovaicolori #vedoacolori

Ore 18 “I n t e r f e r e n z a” incontro con il Prof. Luigi Coccia della Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno. Proiezione dei lavori del workshop sviluppati proprio per il porto di Civitanova Marche. Proiezione video degli elaborati per le tesi triennali.

Ore 18:45 Energie del territorio (part.2)

Demanio Marittimo km-278 – interviene Cristiana Colli; Mappe, la rivista di luoghi e percorsi nelle Marche – interviene Cristiano Toraldo di Francia

Ore 20:00 Premiazione del concorso fotografico #trovaicolori ideato da valentina Castelli. I premi sono forniti dalle seguenti aziende: Ara – Associazione Culturale, Casolare che Crea, Enoteca-Osteria Ars Vivendi di Civitanova Marche.

 

Il murales di Francisco Bosoletti sulla porta del Cantiere navale, "Vedo A Colori" 2015
Il murales di Francisco Bosoletti sulla porta del Cantiere navale, “Vedo A Colori” 2015

Finissage della mostra THEATRE(HOME)INTERACTIVE

La mostra “THEATRE(HOME)INTERACTIVE” di Vincenzo Marsiglia curata da me presso lo Sponge Living Space (Casa Sponge) si chiude coinvolgendo i protagonisti del mondo dell’arte in un’azione social. “THEATRE(HOME)INTERACTIVE” mira ad azzerare la distanza tra visitatore ed opere, puntando sull’interazione e sulla diversa percezione dell’immagine sia statica che in continuo mutamento.

Queste caratteristiche sono racchiuse nell’azione social proposta da Sponge ArteContemporanea come conclusione della personale di Marsiglia.
Nei giorni scorsi è stato chiesto a curatori, critici, direttori di musei e fondazioni, artisti e giornalisti di inviare un selfie (autoscatto da cellulare). Sono oltre settanta le personalità dell’arte che hanno risposto, tra questi Massimo Bray ex Ministro dei Beni Culturali, Guido  Talarico direttore della rivista INSIDEART, l’artista Macello Jori, Marco Enrico Giacomelli vicedirettore editoriale di Artribune, Livia Savorelli direttore editoriale di Espoarte, Gianluca Marziani direttore di Palazzo Collicola Arti Visive Spoleto e (co)ideatore/curatore del PREMIO TERNA, Marina Dacci responsabile della Collezione Maramotti di Max Mara. Tutti i selfie sono stati rielaborati da Vincenzo Marsiglia in veri e propri ritratti digitali, grazie all’utilizzo dell’opera Interactive Star App, esposta a Casa Sponge.
Il risultato sarà un album con i “volti digitali” del mondo dell’arte, visibile online sui social network di Sponge ArteContemporanea (Facebook e Twitter) sabato 14 marzo alle ore 19, durante il finissage della mostra che ha fatto diventare gli spazi di Casa Sponge un teatro atipico, collegando la tecnologia con le espressioni umane.
Atipica sarà anche la consueta cena conclusiva, poiché per la prima volta sarà un curatore, Matteo Galbiati, a proporre ricette ispirate ai lavori esposti.

vincenzo-masiglia

In “THEATRE(HOME)INTERACTIVE” il titolo della stagione espositiva di Sponge, Inneres Auge (l’occhio spirituale, intuitivo) unito alla Visione Contemporanea, ha una valenza duplice: da una parte l’occhio tecnologico, ovvero la webcam che riprende il fruitore, dall’altra l’occhio umano che percepisce la sua immagine attraverso un mezzo tecnologico. La percezione dell’immagine viene ulteriormente amplificata e veicolata in tempo reale sui social network di Sponge ArteContemporanea. Nella mostra gli strumenti tecnologici, presenti nelle ultime serie dei lavori di Vincenzo Marsiglia, sono affiancati ad opere elaborate partendo da altri materiali come il tessuto, il feltro e la ceramica, tutte con il “logo” caratteristico dell’artista, un simbolo ripetuto con diverse declinazioni: la stella a quattro punte.

Ecco il video che racconta la mostra

THEATRE(HOME)INTERACTIVE di Vincenzo Marsiglia

Vi presento la prossima mostra curata da me: THEATRE(HOME)INTERACTIVE, una personale di Vincenzo Marsiglia, che inaugura sabato 7 febbraio 2015 dalle 18:30 presso gli spazi di Sponge ArteContemporanea a Pergola (PU). 

 Mirror of introspection, Vincenzo Marsiglia
Mirror of introspection, Vincenzo Marsiglia

THEATRE(HOME)INTERACTIVE è  una mostra interattiva, tecnologica e social; la home gallery  Sponge ArteContemporanea diventa per l’occasione un teatro atipico che collega la tecnologia con le espressioni umane. Per la prima volta Vincenzo Marsiglia ha deciso di esporre  al pubblico moods colored, una tenda interattiva che interviene sull’ambiente domestico e interagisce con il visitatore ed il suo stato d’animo. In questa mostra il titolo della stagione espositiva di Sponge, l’ Inneres auge (l’occhio spirituale, intuitivo) unito alla visone contemporanea, ha una valenza duplice: da una parte l’occhio tecnologico, ovvero la webcam dell’iPad che riprende il fruitore, dall’altra l’occhio umano che percepisce la sua immagine attraverso un iPad. La percezione dell’immagine viene ulteriormente amplificata e veicolata in tempo reale sui social network di Sponge ArteContemporanea.

L'interazione dello spettatore con l'opera di Vincenzo Marsiglia
L’interazione dello spettatore con l’opera di Vincenzo Marsiglia

Vi aspetto sabato 7 febbraio 2015 dlle 18:30 per l’inaugurazione di  THEATRE(HOME)INTERACTIVE  di Vincenzo Marsiglia presso gli spazi di Sponge ArteContemporanea a Pergola (PU).

 

Leggi il comunicato stampa in allegato qui sotto.

Like di Rita Vitali Rosati

Durante la settimana calda dell’arte contemporanea a Bologna, ovvero la #BolognaFashionWeek (23-26 genaio) con la grande fiera SetUp Art Fair 2015 qualcosa disturba la solita visione dei cartelloni pubblicitari. Arriva “LIKE” l’intervento di Public Art di Rita Vitali Rosati, curato da me e promosso da Sponge ArteContemporanea. Il progetto speciale di public art marchiato SetUp vede la partecipazione dell’artista Rita Vitali Rosati con l’opera-manifesto Like che invade contemporaneamente Bologna e Fabriano, la città in cui vive. La provocazione tout-court è la cifra stilistica dell’artista che crea un equivoco, consapevole di colpire con la forza del contrasto inducendo lo spettatore ad una riflessione.

Like è un intervento di public art dell’artista Rita Vitali Rosati compiuto a Bologna durante la scorsa edizione di 

“Like, una parola inglese di uso comune sinonimo di approvazione, dà il titolo all’intervento di public art di Rita Vitali Rosati, un manifesto che invade contemporaneamente Bologna, durante le fiere d’arte contemporanea e Fabriano, città in cui l’artista vive. Basta un pollice alzato su Facebook e il like è fatto, facile veloce e abusato, ormai diventato di massa grazie ai social network. Non è un caso che l’artista abbia scelto proprio questa parola, per arrivare a tutti, per attrarre l’attenzione. Il like scritto definisce e rimarca il contrasto principale all’interno del manifesto, dove l’immagine è dominata da uomo anonimo e di spalle che tiene in mano come delle palline da giocoliere quattro bombe gialle, nascoste dietro la schiena. La provocazione contro la violenza tout-court è lampante.  Il paradosso presente in questo manifesto di Rita Vitali Rosati, pone l’accento sull’equivoco parola/immagine e colpisce con la forza del contrasto, inducendo lo spettatore ad una riflessione.

rita-vitali-rosati-sponge-arte-940x500

Leggi tutto il mio testo critico in allegato

SetUp Art Fair a Bologna

Manca veramente poco per la terza edizione di SetUp Art Fair, fiera d’arte contemporanea indipendente a Bologna dal 23 al 25 gennaio presso l’Autostazione. Come per le edizioni passate Sponge ArteContemporanea sarà presente. Vi aspetto sabato 17 gennaio alle ore 11 presso l’Autostazione dove si terrà la conferenza stampa di presentazione della fiera. Tra i relatori ci sarò anch’io per parlare di Sponge ArteContemporanea e il Premio Residenza che abbiamo deciso di organizzare insieme alla direzione della fiera.  Inoltre saranno presentate le novità riguardanti il folto gruppo degli espositori italiani e stranieri, gli special projects di richiamo internazionale, un denso programma culturale che spazierà dai talk, alle performance, ai focus sul cibo, tutto all’insegna del tema Terra, fil rouge di questa edizione.

Interverranno: Simona Gavioli  (Presidente SetUp ArtFair), Alice Zannoni (Direttore artistica SetUp ArtFair), Francesco Amante  (Membro comitato scientifico),  Fulvio Chimento (Membro comitato scientifico), Milena Naldi (Presidente Quartiere San Vitale),  Andrea Leonardi (Presidente dell’Autostazione di Bologna), Maurizio Finotto (Professore Digital Video Accademia delle Belle Arti Bologna), Andrea Losavio (Direttore della D406 Fedeli alla Linea), Federica Mariani ( Sponge ArteContemporanea), Lavinia Turra (Fashion designer e presidente ABC)

Sponge ArteContemporanea è un’associazione culturale di cui faccio parte che è presente alla fiera indipendente  Set Up Art Fair 2015 di Bologna con uno stand a cura di Milena Becci e una rassegna performativa “In Corpo”, oltre che con il Premio Residenza d’artista e l’intervento di public art di Rita Vitali Rosati. Scopri la partecipazione di Sponge ArteContemporanea alla fiera indipendente SetUp2015, clicca qui

Invito conferenza stampa SetUp Art Fair 2015
Invito conferenza stampa SetUp Art Fair 2015

Buon Natale2014

Quest’anno voglio farvi gli auguri di Buon Natale e felice anno nuovo con il classico Christmas Tree d’Artista che realizziamo ogni anno a Sponge ArteContemporanea 

In particolare quest’anno l’albero di Natale diventa simbolicamente un albero genealogico grazie all’artista Mandra Stella Cerrone.

sponge-arte-contemporanea

Il Natale è un rito a cui nessuno, in fin dei conti, si sottrae. Con Mandra Stella Cerrone il rito diventa un’azione catartica silenziosa a cui il pubblico ha partecipato, secondo una pratica ricorrente dell’artista. Nell’atto performativo il gesto è semplice eppure pieno di intenzione, di desiderio e d’amore: le decorazioni e l’albero, a terra in frantumi, sono riparate con fili d’oro da tutti i partecipanti, nel tentativo di superare il trauma e trovare una nuova essenza individuale e familiare.

Sponge-arte-contemporanea

Buon Natale a tutti!

 

 

 

Privata: la mostra sul femminicidio arriva in Calabria

Sta arrivando Privata #4, il quarto appuntamento con la mostra sul femminicidio e la violenza di genere. Questo progetto ideato da Federica Amichetti e curato da me per la parte artistica, sta girando l’Italia dall’8 marzo 2014 e coinvolge sette artisti: Federica Amichetti, Alessandra Baldoni, Mirko Canesi, Mandra Cerrone, Giovanni Gaggia, Francesca Romana Pinzari, Rita Soccio, con la partecipazione straordinaria delle giornaliste Nikla Cingolani e Tamara Ferrari. Per Novembre,  il mese della lotta contro la violenza sulle donne abbiamo deciso di fare tappa in Calabria e precisamente a Cosenza, una terra tristemente al centro delle cronache per i tanti casi di atroce femminicidio che hanno avuto una risonanza mediatica nazionale. L’appuntamento è per sabato 15 novembre  alle ore 16:30 presso l’Archivio di Stato di Cosenza con l’inaugurazione della mostra e il convegno  «Stop al Femminicidio: d’arte e d’amore mai più Privata!» e una mostra parallela «Storie di donne e di violenza nei secoli passati» a cura dell’Archivio di Stato con documenti sul femminicidio in CalabriaMa la tappa calabrese di PRIVATA presenterà anche un’altra novità: oltre alle opere esposte nelle varie tappe italiane (alcune delle quali hanno anche ottenuto riconoscimenti internazionali) sarà presentata per la prima volta al pubblico l’opera “stigmata” di Attinia, artista che lavora con diversi mezzi espressivi e che per questa occasione presenta un video provocatorio e tagliente che non lascerà indifferenti.  Info e programma sul blog di Privata 

Francesca Romana Pinzari - hair pray
Francesca Romana Pinzari – hair pray